lunedì 8 maggio 2017

Recensione "Guida Galattica per gli Autostoppisti"

Titolo: Guida Galattica per gli Autostoppisti
Autore: Douglas Adams
Editore: Mondadori
Anno Pubblicazione: 1980
Numero Pagine: 150
1.Guida Galattica per gli Autostoppisti
2. Ristorante al termine dell'Universo
3. La Vita, l'Universo e Tutto Quanto
4.Addio, e grazie per tutto il pesce
5.Praticamente innocuo
6.Sicuro, Sicurissimo, perfettamente sicuro



Trama
Lontano, nei dimenticati spazi non segnati sulle carte del limite estremo e poco à la page della Spirale Ovest della Galassia, c'è un piccolo e insignificante sole giallo. A orbitare intorno a esso, alla distanza di centoquarantanove milioni di chilometri, c'è un piccolo, trascurabilissimo pianeta azzurro-verde, le cui forme di vita, discendenti dalle scimmie, sono così incredibilmente primitive che credono ancora che gli orologi da polso digitali siano una brillante invenzione...
Recensione
E' un libro no-sense, ovvero ha una trama ma viene continuamente intermezzata da episodi divertenti di una realtà aliena. A volte poco comprensibile per i numerosi nomi impronunciabili e per un linguaggio intergalattico, il libro scorre veloce nella sua trama scarna (che mi aspetto di vedere ampliata nel seguito "Ristorante al termine dell'universo").
Gli eventi sono un susseguirsi di episodi senza una vera spiegazione logica, e forse è proprio questa la forza del libro. A tratti è spassoso, con logiche assurde, un mondo alieno che segue le stesse logiche terrestri (chi litiga, chi elegge persone incapaci, chi vuole creare un mondo a proprio piacimento, chi si interroga sui misteri della Vita).
Non aspettatevi di trovare una storia avvincente, non cercate un senso a quello che vedete scritto o un capolavoro letterario; è un libro umoristico, che fa ridere con la sua assurdità. Prendetelo alla leggera e vi farete quattro sane risate!
Tra l'altro come scrive lo stesso Douglas nell'incipit, anche lui sa bene che è pieno di incoerenze, ricordatevi che è iniziato come un progetto radiofonico, quindi godetevi la lettura!
"Che cosa fare se vi trovate intrappolati senza alcuna speranza? Meditate su quanto siete fortunati che la vita finora vi abbia sorriso. O in alternativa se non vi avesse sorriso, il che viste le attuali circostanze sembrerebbe più probabile, meditate su quanto siete fortunati che la vita smetterà presto di tormentarvi."

Valutazione: Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

Nessun commento:

Posta un commento