venerdì 17 marzo 2017

Recensione "Silver-l'ultimo segreto"

Titolo: Silver- L'Ultimo Segreto
Autore: Kerstin Gier
Editore: Corbaccio
Anno Pubblicazione: 2015
Numero Pagine: 361
Genere: Fantasy
Trilogia dei sogni
1.Silver-Il mistero dei sogni
2.Silver-La porta di Liv
3.Silver-L'ultimo segreto

Trama
Ormai è appurato: nemmeno nei sogni si può stare in pace. Prima, quando Liv viveva a casa sua, i sogni erano affari suoi, ma adesso che si è stabilita a Londra insieme alla sorella Mia da Ernest, il nuovo compagno della madre Ann, sembra che tutti ne sappiano più di lei. In primo luogo Grayson, il fratello appena acquisito, e poi tutti i suoi amici. Da quando le sono apparsi in sogno in un cimitero, intenti in una cerimonia esoterica, Liv è costretta a condividere con altri ragazzi non solo la scuola, ma anche la notte e i suoi incubi. Da un certo punto di vista questo può avere i suoi aspetti positivi, specialmente quando Liv è con il fascinoso Henry... ma i sogni sono minacciati da una presenza oscura e inquietante pronta a seguire i ragazzi nei loro spostamenti e, soprattutto, il loro amico Arthur ha deciso inspiegabilmente di rovinare per sempre la loro vita... Di giorno, le cose non sembrano andare meglio in questa famiglia allargata dove c'è ancora qualche rancore di troppo tra Florence, la spocchiosa gemella di Grayson, la mamma di Ernest che mai e poi mai vorrebbe diventare la suocera di Ann e l'autore di un blog anonimo che si diverte a spiattellare tutti i segreti di Liv. Certo, c'è Henry, il suo meraviglioso fidanzato, ma cosa farà quando scoprirà che Liv gli ha mentito?
Recensione
I libri di questa saga della Gier, partono lenti, a tratti sono addirittura noiosi e scontati (insomma la parte del Tittle Tattle Blog era davvero necessaria ai fini della storia?), se alcune parti sono state sviscerate fin troppo, come la parte del corridoio dei sogni (abbiamo capito come funziona già dal primo libro, inutile ripeterlo ogni volta) o di Anabel, la quale poteva concludere la sua parte già nel primo libro; altre sono state trattate molto velocemente, non si capisce bene il perché dell'esistenza di questo corridoio dei sogni, come ha fatto Arthur a fare alcune cose (se leggerete il libro capirete di cosa parlo), e la fine è stata trascurata, un semplice articolo di Secrecy per comprendere ciò che è successo a tutti. Peccato che non si capisce assolutamente cosa sia accaduto dopo lo scontro finale, ad esempio l'amore tra la nostra Liv e il suo Henry com'è proseguito? Ci sono stati capitoli e capitoli sui dubbi e sull'angoscia della nostra protagonista e poi non si sa come si siano risolti. Così come il rapporto tra Florence e Liv, o il rapporto della "tata" (che fine ha fatto?), o la storia del cambiamento di Anabel, spiegato talmente di fretta che non sembra reale.
Per fare una recensione generale, essendo questo l'ultimo libro della saga, posso dire che il tutto poteva essere risolto in soli due libri, ad oggi, infatti, credo che il secondo libro non fosse proprio necessario ai fini della storia, ma che allungasse solo il brodo. 
Ma ci saranno anche delle note positive? Assolutamente Sì. La trama è nuova, avvincente, non le solite storielle, il personaggio di Liv è divertente, ben caratterizzato, la famiglia allargata funziona alla grande e i momenti più divertenti sono quelli delle riunioni. Lo stile della Gier fa si che la lettura scorri veloce, senza descrizioni dettagliate ma essenziali.

Valutazione: Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

Nessun commento:

Posta un commento